29/04/16

Salviamo le antiche porte civiche di Catanzaro

Bisogna porre in atto interventi immediati per salvaguardare dai danni irreparabili le porte di S. Agostino e di Stratò, vecchi accessi alla Città di Catanzaro, nonché la torre Cavallara, che sovrasta il quartiere marinaro.
Devo ringraziare l’associazione ‘Catanzaro è la mia Città’ che attraverso questa petizione popolare (☞ http://www.petizionepubblica.it/PeticaoVer.aspx?pi=PorteCZ) ha rilanciato la proposta di salvaguardare questi importanti beni storici della mia città.
Catanzaro aveva un impianto difensivo complesso, come tutte le città medioevali, di questi manufatti, tuttavia, molti sono andati distrutti per via dei terremoti, alcuni sono stati abbattuti dagli uomini, altri sono stati inglobati in palazzi e altri ancora sono stati lasciati all’incuria. Dunque è necessario salvaguardare l’esistenza delle antiche porte della città per tutelare la conservazione della memoria nel Capoluogo di Regione della Calabria. Insieme agli attivisti del Meetup di Catanzaro, ho voluto fortemente approfondire la vicenda legata alla storia di questi beni storici per la città, che devono essere fruibili da turisti e cittadini per poter rappresentare un nuovo futuro della città, che deve rilanciarsi anche attraverso una migliore conoscenza del proprio passato. Per questo motivo ho depositato un'interrogazione parlamentare al Ministro dei beni culturali ‪Franceschini‬ al fine di promuovere investimenti per la ricostruzione dell'identità e della memoria storica della città di Catanzaro, la sua riqualificazione nonché la valorizzazione del suo patrimonio edilizio, architettonico, artistico e storico con particolare riferimento alle porte storiche della città anche attraverso la creazione di percorsi naturalistici che possano renderli più facilmente fruibili. Il Sindaco Abramo ed il Consiglio Comunale ora facciano quanto nelle loro possibilità per regalare alla nostra città la memoria storica che oggi le manca.
Se conosciamo meglio la nostra storia potremmo affrontare con successo il futuro!

0 commenti:

Posta un commento