21/04/16

Il M5S difende i giovani disoccupati calabresi

Sugli intoppi del «Programma Stage(s) 2008» che rischiano di penalizzare i 145 candidati a lavorare per 18 mesi in Calabria, con la collega Dalila Nesci abbiamo interrogato il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, per sapere «se sia confermata, per i giovani in attesa, la possibilità di iniziare in ogni caso il programma» e «quali urgenti iniziative di competenza intenda assumere per accelerare il completamento degli adempimenti burocratici affinché gli interessati comincino al più presto a lavorare».
La vicenda conferma la perdurante incapacità dell'amministrazione calabrese di gestire programmi legati a risorse dell'Unione europea, di ridurre in modo significativo la disoccupazione e la difficoltà sociale, nonché di alimentare economie e sviluppo nel territorio; come ha più volte ricordato anche Laura Ferrara, parlamentare europea del MoVimento 5 Stelle.
In ‪‎Calabria‬ bisogna sconfiggere la sufficienza, l'approssimazione e la sciatteria che non di rado caratterizzano vari uffici regionali, evidentemente molto poco controllati dalla politica che governa.
Centrodestra e centrosinistra hanno mostrato pari capacità di ritardo, improvvisazione e inefficacia nell'amministrazione regionale; spesso a discapito dei giovani, i più penalizzati per mancanza di opportunità, per una riforma delle pensioni tutta sballata e per la precarietà imposta da un capitalismo finanziario disumano, che usa il Pd come strumento del proprio dominio.

LEGGI ANCHE:
Stabilizzare i giovani del programma stages
Giusta la protesta dei giovani laureati del programma stage 2008

0 commenti:

Posta un commento