18/02/16

Terrorismo: trasferire i detenuti di Rossano Calabro

I ventuno detenuti nel carcere di ‪Rossano Calabro‬ (CS) accusati di terrorismo internazionale vengano spostati in strutture carcerarie più lontane dai centri abitati.
È quanto ho scritto nell’interrogazione parlamentare rivolta al Ministro della Giustizia. Dopo i fatti di Parigi hanno deciso di aumentare le disposizioni di sicurezza, ma senza valutare la mancanza di uomini e mezzi a disposizione della polizia penitenziaria. Dovrebbero esserci quattro agenti per ogni turno di lavoro, ma ad oggi a disposizione ce n’è soltanto uno.
In alternativa al trasferimento dei detenuti, è necessaria l’assunzione di almeno tre nuovi agenti di polizia penitenziaria che conoscano la lingua araba. Questo per prevenire contatti tra i detenuti tendenti al proselitismo delle organizzazioni terroristiche. Per quanto non sia stato ancora acclarato dalla magistratura, è forte anche il rischio di collegamenti tra la ‘ndrangheta e le milizie del terrorismo internazionale. È necessario un’azione rapida e decisa. Non possiamo mettere a rischio attentati l’intero Paese per il lassismo di chi crede che basti chiudere un terrorista in carcere per evitare rischi.

0 commenti:

Posta un commento