27/11/15

Fermiamo il "#RENZIFOSSILE" nel Canale di Sicilia!

Abbiamo interrogato il Governo in merito alla collaborazione tra Marina Militare e MISE per la sicurezza offshore.
Renzi utilizza le forze armate nel canale di Sicilia per le attività di mappatura connesse alle ‪trivellazioni‬ peraltro con metodi che nuocciono all'ecosistema marino, ai cetacei e nulla fa per individuare le possibili navi a perdere affondate a largo dei nostri mari.
Le sopracitate attività ad opera della Marina Militare sono state svolte in 7.153,73 Kmq di aeree di concessione, permessi ed istanze di ricerca nel Canale di Sicilia. A queste si aggiungono poi le due richieste di prospezione per circa 6mila kmq della Schlumberger Italia, la più grande società di servizi petroliferi al mondo.
Un doppio colpo alla salute dei nostri mari che per volontà del governo Renzi non dovranno soltanto subire le pericolose trivellazioni, ma anche i danni causati dai sonar il cui utilizzo è direttamente correlato ad episodi di spiaggiamento dei cetacei.
Renzi, invece di favorire le multinazionali del petrolio dovrebbe privilegiare la ricerca a difesa dell'ecosistema marino e scovare possibili rifiuti molto pericolosi inabissati a largo delle nostre coste.
Come al solito il ‎PD‬ fa il contrario di ciò che dovrebbe e nel frattempo lo stesso governo "FOSSILE" si prepara ad andare a ‎Parigi‬ per la ‎COP21‬ per decidere come contrastare i cambiamenti climatici. Sembra una barzelletta, purtroppo si tratta di realtà! Dobbiamo fermare tutto questo, preparimoci per il ‪referendum‬ contro le trivellazioni previsto per la prossima primavera!

0 commenti:

Posta un commento