13/05/15

Atto intimidatorio alla "Cooperativa Sociale Valle del Marro - Libera Terra"

Il recente atto intimidatorio con un taglio di quasi 100 piante di ulivo ai danni della "Cooperativa Sociale Valle del Marro - Libera Terra" che opera, grazie all'associazione Libera, sui terreni confiscati alle organizzazioni criminali vicino ‪Polistena‬ (RC), è un gesto vergognoso, che deve fare alzare ancora di più l'asticella di guardia delle istituzioni verso la '‪‎ndrangheta‬ in ‪Calabria‬. In una terra disgraziata come la Calabria lavorare onestamente i campi confiscati alla 'ndrangheta è un gesto coraggioso e indispensabile. Non abbandonare le associazioni che si impegnano per la lotta alla criminalità organizzata è un impegno che la politica non deve tralasciare. C'è un forte bisogno di sentire la presenza delle istituzioni in Calabria.
Don Pino Demasi ed il coordinamento di 'Libera' della Piana di Gioia Tauro hanno tutta la mia solidarietà. Il loro impegno contro la 'ndrangheta e le organizzazioni criminali deve essere un esempio da seguire ed imitare. Mi impegno a far loro visita nelle prossime settimane.

0 commenti:

Posta un commento