23/04/15

Fermiamo le trivellazioni in Calabria!

Continueremo a fare di tutto per bloccare le trivellazioni che il governo ha disposto a largo delle coste calabresi attraverso il decreto 'Sblocca Italia'. Oggi abbiamo presentato un atto di sindacato ispettivo con cui chiediamo al Primo Ministro Renzi «se ritenga opportuno che vengano portate avanti attività di prospezione, ricerca ed estrazione di idrocarburi e stoccaggio sotterraneo del gas nonostante la posizione contraria dei Comuni calabresi sui quali insiste l’area costiera a vocazione turistica, agricola ed ambientale con ecosistemi marini unici e di grande rilievo».
Nel settembre 2014, durante il summit sul clima tenutosi a New York, Renzi si era impegnato a ridurre le emissioni di gas serra, sostenendo che l'Italia avrebbe puntato su energie da fonti rinnovabili. Il decreto 'Sblocca Italia', invece, va nel senso opposto. Non solo, rischia fortemente di compromettere la vocazione turistica delle coste calabresi e l'ecosistema del mediterraneo, il mare più inquinato al mondo dagli idrocarburi.
L’area del permesso, estesa in un raggio di 63,13 Kmq, è immediatamente a ridosso della costa dei comuni di Trebisacce, Cassano allo Ionio, Rossano, Amendolara, Corigliano Calabro, Calopezzati, Villapiana, Albidona e Crosia.
Gli emendamenti del Governo nella Legge di Stabilità 2015 pongono l’Italia in una posizione di “retroguardia” nello scenario energetico europeo, favorendo lo sviluppo delle fonti fossili e gli interessi commerciali delle compagnie petrolifere, contro le comunità e gli enti locali, costretti a subire sul proprio territorio infrastrutture dichiarate “di interesse strategico“.
Anche alcuni professori dell'Università di Bologna hanno bacchettato le scelte del governo, invitando Renzi ad assumere strategie volte verso il risparmio energetico ed il minor utilizzo di combustibili fossili. Purtroppo questa classe politica sembra prendere scelte contrarie al bene comune, che seguono logiche tendenti a favorire sempre le lobbies e mai i cittadini. La Calabria ha bisogno di scelte diverse, che arricchiscano il territorio e l'economia locale e non di mettere ulteriormente a rischio l'ambiente e l'economia reale del territorio. Le trivellazioni disposte nel mar ionio possono distruggere in un solo colpo agricoltura e turismo, ovvero le uniche cose che possono davvero rilanciare un territorio già devastato dalle scelte politiche passate.
Considerate le dichiarazioni del presidente Oliverio, sulla contrarietà alle trivellazioni in Calabria, lo invitiamo a rivolgersi ai parlamentari calabresi del suo stesso partito che hanno votato il decreto incostituzionale "Sblocca Italia" o per usare un termine più appropriato: "Sfascia Italia".


0 commenti:

Posta un commento