28/12/14

Terra dei fuochi in Calabria: non c'è più tempo da perdere!

Sono anni ormai che denunciamo la situazione disastrosa e allarmante dei ciclo illecito dei rifiuti in Calabria.
Nonostante la commissione parlamentare d'inchiesta su questo fenomeno il M5S da sempre ha "urlato" nelle piazze per informare i cittadini, denunciato con atti parlamentari ed esposti alla procura di come questa terra è diventata una discarica a cielo aperto e di quanto fosse necessario una bonifica dell'intero territorio insieme all'istituzione di un registro tumori efficiente a livello regionale e un registro epidemiologico.

Ci hanno deriso, ci hanno bocciato ogni nostra proposta anche in parlamento, ci hanno chiamato populisti e demagoghi, ci hanno sbattuto la porta in faccia quando parlavamo di bonifiche e di strategia rifiuti zero dicendo che raccontavamo favole.

Ora ci ritroviamo pesci contaminati ad Amantea, 7.000 mq di rifiuti tossici sversati a Vena di Jonadi con le falde acquifere ormai contaminate, discariche abusive sparse su tutto il territorio regionale (per chi non lo sapesse la Corte di giustizia europea ha sanzionato l'Italia per il mancato rispetto della normativa in merito ai rifiuti: oltre 40 milioni a semestre. Circa il 20 per cento dei siti incriminati si trovano nella nostra regione).
Senza dimenticare la famosa vicenda insabbiata delle navi dei veleni insieme allo sversamento dei rifiuti tossici sul territorio calabrese, in particolare: ad Amantea, nel vibonese, nella zona delle Serre, nel crotonese, ecc. come riportano i documenti desecretati dei servizi segreti: LA TERRA DEI FUOCHI E' ANCHE LA CALABRIA!
Fusti di sostanze altamente nocive barattate dall'ndrangheta per armi, droga e montagne di soldi!
Con l'appoggio dei politici corrotti la mafia ha barattato la vita del nostro territorio e dei nostri concittadini per il mero profitto personale!

E per finire il neo PRESIDENTE DELLA REGIONE CALABRIA, il super T-REX per intenderci, riesumato dagli stessi calabresi, mette la ciliegina sulla torta (ormai spartita a dovere) prorogando la scellerata scelta della Stasi di autorizzare tramite ordinanza, gli impianti di Catanzaro e Lamezia Terme alla ricezione di rifiuti speciali e pericolosi. D'altronde cosa ci potevamo aspettare come regalo di fine anno da un vecchio politicante di mestiere???

Beh, che dire....in attesa del grande botto di fine anno non ci rimane che morire in silenzio oppure scegliere di vivere alzando la testa e facendo tanto di quel rumore da costringere questi MAFIOSI E ASSASSINI a pulire con le loro mani il DANNO INESTIMABILE che hanno causato in questa terra....la prigione per questa gente è solo un premio!

0 commenti:

Posta un commento