18/06/14

Legge elettorale, la Regione Calabria ha paura del MoVimento 5 Stelle!

Il MoVimento 5 Stelle e i suoi attivisti calabresi contrastano gli abusi contenuti nella nuova legge elettorale della Calabria, che intanto viola l’articolo 122 della Costituzione, per cui le regioni, nell’adottare il proprio sistema elettorale, sono obbligate al rispetto dei princìpi fondamentali stabiliti con legge ordinaria. Perciò, proposto dagli attivisti e firmato da tutti i deputati calabresi del Movimento, proprio oggi è stato depositato un atto parlamentare che mette in risalto come e quanto la nuova legge elettorale calabrese cancelli la democrazia, a vantaggio del vecchio sistema di potere.
Nell’atto abbiamo chiesto al governo di promuovere la questione di legittimità costituzionale. Infatti, nel testo della legge elettorale calabrese è esclusa la rappresentatività, richiesta dalla legge n. 165 del 2004, che detta i princìpi generali di riferimento. Ancora, la soglia di sbarramento al 15% è mostruosa e si discosta oltremodo dalla precedente soglia, del 5%.
I nuovi collegi individuati cancellano il rapporto fra rappresentanti e territorio. Inoltre, la figura del consigliere supplente, che sostituirà il consigliere nominato assessore regionale, è finalizzata al mero incremento di poltrone, in spregio alla sentenza n. 35/2014 della Corte costituzionale, che ha imposto un’altra riduzione dei consiglieri regionali, da 40 a 30.

0 commenti:

Posta un commento