26/05/14

Loro non molleranno mai, noi neppure!



Lo so, avevamo tutti delle aspettative diverse da queste elezioni europee. Intanto voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno creduto e sostenuto e a loro voglio dire con gran forza di NON MOLLARE!! Possiamo perdere delle battaglie ma la guerra è ancora lunga ed abbiamo il dovere civico e morale di continuare questa rivoluzione! Ringrazio tutti gli attivisti e tutti i miei colleghi che hanno buttato l'anima nelle piazze, nei banchetti e in ogni dove. La battaglia più difficile da vincere sta proprio nel cambiamento culturale di ognuno di noi. La strada è spianata ma la salita è ripida e piena di ostacoli. Non molleremo, anche se gli italiani hanno preferito la via dell'astensione e di Renzi. La cosa più evidente che salta fuori da questi risultati purtroppo è la disinformazione sui temi importanti che hanno coinvolto questo governo in un anno di legislatura e le tematiche europee come fiscal compact, mes e altri accordi presi in Europa che ci stanno portando alla rovina! Gli italiani sono ancora purtroppo inconsapevoli, forse anche perchè non siamo riusciti a trasmettere loro una consapevolezza diversa, sapendoli attirare sui temi di cambiamento culturale a noi più cari. Hanno dato l'ennesima fiducia in bianco ad un governo calato dall'alto senza pensare alle idee, al programma, alle vere esigenze di un paese e di un popolo che sprofonda ogni giorno a causa di queste politiche di austerity e delle logiche perverse del capitalismo. Ne prendiamo atto e cercheremo di porvi rimedio, attraverso un'attenta analisi anche di autocritica. La gente ha preferito scegliere la forma piuttosto che il contenuto. Ha preferito lo status quo piuttosto che il cambiamento, quello vero! Da una parte forse abbiamo sottovalutato il potere dei media di regime, delle tv, del clientelismo, di Berlusconi, di De Benedetti, dei lobbisti, delle banche e dei poteri forti, dall'altra credo che forse non siamo stati capaci di comunicare in maniera efficace la nostra idea di cambiamento. Di certo non ci fermiamo e continueremo a guardare avanti e OLTRE! I voti che abbiamo preso sono voti più consapevoli rispetto all'anno scorso e questo è un bene perchè abbiamo comunque una buonissima base di ripartenza per continuare a non mollare, a sognare e a lavorare per un futuro migliore perché ce lo meritiamo! Soprattutto è più imponente la presenza di attivisti sui territori. Attraverso il lavoro dei nostri attivisti e non solo quello dei cittadini eletti nelle istituzioni, riusciremo a portare nelle case degli italiani le nostre consapevolezze ed a cercare insieme le soluzioni ai problemi che attanagliano tutti noi.
Sono contentissimo per i nuovi nostri portavoce che andranno in Europa come la nostra calabrese Laura Ferrara, che ha raggiunto un traguardo importantissimo ed andrà a sbattere i pugni sul tavolo in Europa per portare la voce del MoVimento, del meridione e della Calabria! Nella mia terra Laura è riuscita ad ottenere più preferenze di Scopelliti e Pirillo, due mostri sacri della politica calabrese, quella fatta di clientelismo e bilanci truccati. È un segnale importante, imponente, da cui ripartire con la consapevolezza che l'onestà vincerà anche nell'estremo Sud di questo Paese, dove la gente è sfiduciata da decenni di malapolitica. Ora aspettiamo i risultati delle regionali e delle amministrative, con la speranza di vedere entrare nelle istituzioni locali più cittadini attivi possibili! Loro non molleranno mai (ma gli conviene??) NOI NEPPURE!! FORZA E CORAGGIO!!!

0 commenti:

Posta un commento