28/03/14

Dimissioni Scopelliti, ora tocca al M5S cambiare la Calabria

Le dimissioni di Giuseppe Scopelliti, governatore della Calabria, rappresentano la fine del potere che per decenni, senza differenze tra destre e sinistre, ha svuotato la regione costringendo intere famiglie a emigrare o a vivere di stenti. Io, Dalila Nesci, Nicola Morra e Federica Dieni pensiamo che i partiti siano tutti complici. Al governo della Regione, infatti, si sono comportati come Scopelliti e sodali, o da alleati o da finti oppositori. La Calabria, regione di generosità e ‘ndrangheta, grande bellezza e malasanità, lavoratori sfruttati e assistenzialismo umiliante, può adesso conquistare la propria libertà, ma fuori dei partiti. Non c’è differenza tra il Nuovo Centrodestra di Scopelliti e Gentile, Forza Italia dei vecchi Pdl, in cui tre consiglieri regionali vennero arrestati per ‘ndrangheta, e il Pd di Loiero, della famiglia Adamo e di Mario Pirillo. Sono tutti uniti dall’interesse, dal teatro della politica, dalla spartizione di posti e interessi. È  singolare che questi camaleonti politici, abituati a muoversi fra melma e rifiuti, non sappiano di essere finiti. La caduta del condannato Scopelliti aumenterà la sfiducia dei calabresi verso il sistema dei partiti,  ormai in putrescenza.
Le persone comuni e disinteressate del Movimento Cinque Stelle cambieranno la Calabria, con il coraggio, la coscienza pulita e il senso del bene comune. Si vada subito alle elezioni regionali, ma Renzi rimuova Alfano, che, avendo scelto Scopelliti come suo referente politico, non può più fare il ministro dell’Interno.

0 commenti:

Posta un commento